News della scuola

#g100 – PROGETTO “MARISTI CHANGE”

Pubblicato il

QUATTRO SCUOLE, QUATTRO CITTA’, QUATTRO
REGIONI AL TEMPO DEL COVID-19!

Si chiama “Maristi Change” il progetto di scambio a distanza che ha visto protagonisti alcuni alunni delle classi prime dell’Istituto Fratelli Maristi di Cesano Maderno. “Il progetto ha lo scopo di far incontrare alunni provenienti da diverse scuole mariste e creare, per quanto possibile vista l’emergenza Covid, un momento di unione e di svago. Per questo le tematiche trattate non erano strettamente interenti alla didattica, quanto piuttosto a piccoli giochi per conoscersi e passare il tempo della quarantena, conoscendo ragazze e ragazzi degli altri istituti maristi d’Italia.” spiega la professoressa Maria Guarino, docente di matematica e scienze responsabile del progetto, insieme alle colleghe Alberta Lovesio e Roberta Cimmino, rispettivamente docenti mariste di Genova e Giugliano in Campania (NA). I sei incontri previsti, rigorosamente online, sono cominciati il 23 aprile scorso, per terminare il 28 maggio, in un percorso di conoscenza reciproca nel quale i ragazzi si sono raccontati e conosciuti, condividendo hobbies e passioni. Ogni incontro ha previsto una serie di attività, da un gioco a domande sul film d’animazione La città incantata alla condivisione di una canzone a scelta sul tema dell’amicizia. “Con questo progetto abbiamo voluto far sentire meno soli i nostri alunni, offrendo loro la possibilità di conoscere ragazzi di Genova e Giugliano che come loro frequentano una scuola marista. Pensiamo sia un bel modo di sentirsi parte di una grande comunità, in un momento dove c’è grande bisogno di superare il senso di solitudine del distaziamento sociale”le parole del preside, fr. Marco Cianca. “Non è escluso che anche il prossimo anno, in modalità ancora da definire, il progetto di scambio marista possa essere riproposto, visto l’entusiasmo con il quale gli alunni lo hanno accolto.”

prof.ssa Maria

News della scuola

#g88 – qualcosa si è mosso

Pubblicato il

Cercando sempre di informare i nostri alunni e le famiglie, con toni determinati ma sempre rispettosi delle istituzioni, possiamo dire che “qualcosa si è mosso”. Stanziare 1,5 miliardi per il rilancio della scuola pubblica statale, mettendo da parte 12.000 scuole pubbliche paritarie, 180.000 dipendenti e 900.000 alunni era troppo perché passasse inosservato. Ecco allora che una parte di questi investimenti vengono spostati alle scuole paritarie. Qui riportiamo l’articolo di Avvenire che in maniera chiara spiega i passaggi del cambiamento di posizione che il governo ha realizzato.

Come Direzione della scuola, appena sarà certa la quantità che giungerà alla nostra scuola, vi daremo comunicazione e sarà interamente distribuito alle famiglie in forma di rimborso e per le spese di sanificazione previste.