Siracusa News #40

CIAO a tutti

Difficile mettersi nei panni di fr. Onorino, che per ben 3 anni ha documentato con precisione e fedeltà i passi della Comunià internazionale di Siracusa, dai primi difficili inizi fino a quella fase che si potrebbe definire “dinamicamente stabilie” in cui ci troviamo oggi. Ma proviamo a continuare queste news nella semplicità di chi ritiene importante “dare ragione” delle cose che qui si cerca di realizzare nello spirito del progetto Lavalla200> . Il numero precedente, chiuso in “redazione” il 3 settembre, giorno della partenza di Onorino, ha presentato le ultime attività estive. Ripartiamo idealmente dal 6 ottobre, che è la data di compleanno della nostra comunità siracusana.

Partenze e arrivi – Un grande CIAO a Onorino e Mario

Onorino e Giorgio
un cambio ‘fraterno’, Onorino e Giorgio

La Comunità e il CIAO vivono giorni particolari con la ripresa di questo nuovo anno 2019-20. Abbiamo salutato fr. Onorino da pochi giorni, augurandogli un po’ di riposo e la solita grinta per il nuovo incarico che ha ricevuto; da qualche giorno si trova infatti a Giugliano in Campania, come superiore della comunità marista che anima questa grande scuola; come rimpiazzo (fuori posto pensare a sostituzioni …) è arrivato fr. Giorgio Banaudi, che per tanti anni ha insegnato nelle diverse scuole mariste d’Italia (da Roma a Genova, da Giugliano a Cesano Maderno) e in questa nuova situazione inizia a muovere, in punta di piedi, i suoi primi passi.

il saluto a Mario Araya

Altra partenza: sabato 12 ottobre (proprio nel Columbus day) riprende la via delle Americhe il nostro infaticabile Mario Araya che dopo 3 anni di volontariato come laico marista si è reso nuovamente disponibile per una nuova missione, andrà infatti a Tabatinga, in Brasile, sempre nell’ambito del progetto Lavalla200>. Sono in tanti gli amici che nella serata di saluto, dove Mario si è esibito al barbecue per un asado di prim’ordine, lo hanno ringraziato e si sono stretti intorno a lui. Per il momento un GRAZIE gigante a Mario per tutto il lavoro svolto in questi primi tre anni del Ciao (i pionieri sono sempre quelli che poi lasciano tracce speciali!), per la sua passione, la sua semplicità, la concretezza nei rapporti, una speciale austerità di vita…
Un augurio di buon lavoro e di entusiasmo a chi va e a chi viene.

La “nuova” Comunità – l’incontro con il Vescovo

dal balcone del Vescovo, in piazza Duomo

Poco alla volta si delinea anche la fisionomia della nuova comunità, che risulta adesso formata da 5 persone, considerando la new-entry di fr. Giorgio. Pochi giorni fa siamo andati a salutare il vescovo e Padre Nuccio; al termine del cordiale colloquio, abbiamo dato una sbirciatina alla piazza del Duomo dal balcone che il vescovo utilizza per i discorsi nei momenti solenni, della Pasqua e del Natale. Il vescovo ci ha subito ingaggiati per la partecipazione al Consiglio Diocesano (sembra un destino per chi arriva il 6 ottobre!) e per un intervento informativo sul tema dei migranti, che Gabriel ha presentato a tutto il consiglio.

Il CIAO inizia la collaborazione con il CPIA-Siracusa

Una attività di cui siamo veramente contenti è aver finalmente siglato il protocollo di collaborazione con la scuola statale del CPIA (i corsi serali per adulti che rilasciano il famoso diploma “di terza media”, un elemento ancora oggi necessario per poter svolgere qualunque attività lavorativa). E’ un bell’esempio di rete tra una realtà del privato e la scuola pubblica. In pratica il CIAO offre la sede e il CPIA svolge i corsi di italiano con il suo personale docente e un diploma certificato come traguardo. In questo modo il CIAO mette in gioco i suoi numerosi contatti e può offrire ulteriori opportunità ai ragazzi che frequentano i corsi. Sono oltre 50 gli iscritti ai corsi di vario livello, molti dei quali non potevano recarsi presso la sede centrale del CPIA. Nella mattinata di venerdì 11 ottobre fr. Claudio, come Presidente della Fondazione e la Preside della scuola hanno firmato l’intesa e da lunedì 14 sono iniziati i corsi che si stanno svolgendo a pieno ritmo.

Un corso per diventare tutori di resilienza

Nel weekend di fine ottobre il CIAO aveva in calendario un corso per la formazione di tutori di resilienza offertoci da FMSI, già presentato in Spagna e in Libano; ci sembrava l’occasione buona per allargare il cerchio dei nostri contatti e offrire questa risorsa ai tanti amici che operano nello stesso ambito (AccoglieRete, Centri di accoglienza, volontari), così la relatrice, la cilena Veronica, si è trovata davanti non solo la comunità, ma una ventina di altri operatori interessati e attenti.

Visite e Ringraziamenti

Con tutti i cambiamenti che si sono verificati in questi due mesi di settembre e ottobre, non abbiamo avuto tempo per altri impegni. Però abbiamo accolto con piacere, a inizio ottobre, Nathalie (direttrice della primaria della scuola marista di Bourg Argental, Francia) e Angela (impegnata nella scuola marista di Atene e membro del Gruppo di coordinamento dei laici a livello europeo); a parte qualche intoppo per la lingua non ci sono state difficoltà nel mostrare loro il funzionamento del CIAO e della Comunità tanto che dal secondo giorno erano già al lavoro per darci una mano con il doposcuola dei bambini. Altro incontro importante: insieme a fr. Claudio sono venuti a farci visita anche fr. Stefano e Matteo Mennini per aiutarci insieme a riflettere sulla realtà del Ciao, la sua evoluzione dal progetto iniziale e il suo evolversi verso una fase più matura e ragionata, fornendoci stimoli, piste di riflessione e di lavoro, confronti con realtà di volontariato analoghe. Un valido strumento di progettazione per rendere il Ciao una risposta valida alle emergenze attuali.

Volevamo poi parlarvi di un nostro ex-alunno di Cesano M. che abbiamo incontrato qui a Siracusa, ma per colpa di una allerta rossa (succede anche qui, per la gioia degli alunni), il tutto è stato rinviato a novembre. Si trattava di un compleanno impegnativo, qualcosa come …2500 candeline da spegnere. Ma ne parleremo la prossima volta.

A tutti un saluto affettuoso.

Gabriel, Ricky, Rosa, Nina e Giorgio

Per donazioni: Intesa Sanpaolo – FONDAZIONE ITALIANA DI SOLIDARIETÀ MARISTA CHAMPAGNAT O.N.L.U.S.

IBAN  IT10C0335901600100000163090

Posted in CIAO, Il Centro, Siracusa News and tagged , , , , , .

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *